Family Business - Lombardi Angelo

Da due generazioni sotto la stessa insegna

0
1079
La sede della Lombardi Angelo Srl.

Nata nel 1971 dall’iniziativa dell’omonimo fondatore, proveniente a sua volta da una famiglia di commercianti, negli ultimi anni la Lombardi Angelo Srl di Apricena (Foggia) si è distinta per iniziative e processi evolutivi che l’hanno proiettata nel futuro.

La Lombardi Angelo ha compiuto in pochi anni una significativa crescita, che ha visto dapprima il passaggio da ditta individuale a Srl e poi la fondazione del consorzio CIDME, una tra le esperienze consortili più significative in ambito regionale, ma anche l’implementazione delle vendite on line e l’apertura di nuova sede dedicata all’ingrosso di materiale elettrico. Oggi l’azienda è alla seconda generazione: al fondatore Angelo Lombardi si sono aggiunti i figli Giuseppe ed Ernesto.

Angelo Lombardi con i figli e soci Giuseppe ed Ernesto.

Cosa significa per voi avere mantenuto la denominazione e l’insegna originaria, che è il nome del padre fondatore?
Dopo la fondazione del consorzio CIDME, del quale lui è stato anche presidente per 7 anni, era necessario strutturarci come società. Abbiamo pertanto trasformato la ditta individuale in srl, mantenendo tuttavia la denominazione originaria. È stata una scelta mirata: il nome Angelo Lombardi era e resta legato sia alla tradizione di una famiglia dedita al commercio da diverse generazioni, che a un patrimonio di relazioni con clienti e fornitori sviluppate nel tempo da nostro padre, che tuttora detiene una quota della società, ne è amministratore, e si occupa di alcune specifiche attività. E chiaramente resta un importante punto di riferimento per noi figli.

Lavorare in famiglia è bello, ma può anche presentare delle criticità. Qual è la vostra esperienza in merito?
Fin da quando vivevamo tutti sotto lo stesso tetto, siamo sempre stati molto uniti. Oggi, ciascuno di noi ha la propria famiglia, ma questa coesione è rimasta intatta. Di norma lavorare in famiglia presenta dei momenti di rottura, ma nel nostro caso posso dire che in tanti anni di lavoro non è mai successo; il nostro segreto è il dialogo costante e quotidiano su qualsiasi cosa succede in azienda, senza intaccare le rispettive famiglie nei problemi dell’attività. Oggi è una corsa contro il tempo e sinceramente non abbiamo tempo e modo di pensare alle incomprensioni tra di noi, ogni ritardo o esitazione ha un costo commerciale che nessuno ormai può più permettersi.

È facile tenere separata la dimensione lavorativa da quella familiare, al di fuori dell’orario di lavoro?
L’azienda è una parte della nostra famiglia. Per questo, talvolta capita che si parli di lavoro anche quando siamo a cena fuori con le nostre famiglie. Ma riusciamo sempre a circoscrivere l’argomento, senza questo che monopolizzi la conversazione.

L’affetto nei confronti di un familiare può interferire con la necessità di prendere decisioni “difficili”?
Siamo sempre stati dell’idea che ci si debba dire sempre tutto, a prescindere da tutto. Quando occorre agire per l’interesse comune, vanno messi da parte i sentimenti talvolta contrastanti che si possono provare confronti di un genitore o di un fratello. Questo è da sempre uno dei punti fermi della nostra azienda.

I vostri percorsi di studio sono stati impostati in funzione di un possibile impiego nell’azienda di famiglia?
Fortunatamente i nostri genitori ci hanno sempre permesso di seguire le nostre inclinazioni. Giuseppe si è diplomato perito elettrotecnico e ha scelto di restare in azienda. Io ho optato per la facoltà di Economia e Commercio e nel 2005, dopo la laurea, ho deciso di unirmi a mio padre e mio fratello. Così abbiamo messo a punto un piano per lo sviluppo per la nostra impresa che ci ha portato alla trasformazione in Srl, all’acquisto di un nuovo capannone all’ingresso della cittadina, a farci promotori del consorzio regionale CIDME e a entrare nel 2012 in ANSE 2000. Far parte di un consorzio è indispensabile. A maggior ragione in un contesto del tutto singolare come quello pugliese, che presenta problematiche commerciali che in altre regioni non si verificano. A fronte di marginalità sempre più ridotte, gli acquisti di gruppo determinano convergenza e condizioni commerciali favorevoli che ci permettono di restare sul mercato.

(Stefano Troilo)

IDENTIKIT
Denominazione e forma giuridica: Lombardi Angelo Srl
Fondatore: Angelo Lombardi
Soci: Angelo, Giuseppe, Ernesto Lombardi
Generazione: seconda
Anno inizio attività: 1971
Sede: Apricena (Foggia), viale Papa Giovanni XXIII
Punti vendita: 2

DIALOGO E FLESSIBILITÀ
Giuseppe Lombardi si occupa prevalentemente della parte amministrativa, Ernesto di acquisti e vendite, quindi della gestione di fornitori e clienti. “Ma questo non ci impedisce di scambiarci di ruolo in caso di necessità. Non ci sono schemi rigidi e predeterminati che ci impediscano di fare qualcosa. Siamo di fatto intercambiabili e ci aiutiamo a vicenda per far fronte alle necessità che si presentano nei periodi di punta. Se ciascuno di noi si limitasse al proprio compito, non potremmo andare avanti”, spiega Ernesto Lombardi

TIMELINE
1971: Angelo Lombardi apre la sua ditta individuale, che consiste in una piccola rivendita di materiale elettrico
1991: lo affianca suo figlio Giuseppe, diplomatosi perito elettrotecnico, iniziando la vendita all’ingrosso con distribuzione
2004: dopo la laurea in Economia e Commercio, entra in azienda anche il figlio Ernesto
2006: insieme ad altri 6 grossisti pugliesi, la Lombardi Angelo è promotrice del consorzio CIDME; Angelo Lombardi ne resta alla presidenza fino al 2012
2007: avviene la trasformazione in srl
2011: è l’anno del trasferimento nell’attuale sede di viale Papa Giovanni XIII, all’ingresso della cittadina garganica. Il punto vendita di via Parini resta comunque aperto come rivendita di materiale elettrico e per il fai da te

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here